3
Shares
Pinterest Google+

Il 16 di ottobre 1945 è l’anno in cui si fondò l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, comunemente conosciuta come FAO. Ogni anno, in questa data, ricorre e si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione.

Questo 2018 è l’anno in cui la FAO propone l’obiettivo #FameZero: il cuore degli Obiettivi per lo sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite da raggiungere entro il 2030.

Ogni giorno più di 800 milioni di persone non riescono a procurarsi alcun tipo di cibo.

Ovviamente è richiesto l’aiuto di tutti noi perché questa meta possa essere raggiunta.

 

Cosa possiamo fare noi, nel nostro piccolo?

Se leggerai questo articolo e metterai in pratica anche solo alcuni dei punti che sto elencando, potrai dire di aver contribuito!

  • Congela gli avanzi e non buttarli mai oppure sfruttali per creare un nuovo piatto di riciclo. Anche al ristorante, richiedi di portarli via con te.
  • Mangia cibi sani, spesso le ricette facili e con pochi ingredienti sono le più salutari. Condividile con i tuoi amici. Oppure segui ricette sostenibili presenti su internet o consulta il tuo agricoltore locale per sapere come cucina a casa i suoi prodotti.
  • Scarica l’app OLIO, mette in contatto i vicini di casa con le imprese locali, in modo che il cibo in eccesso possa essere condiviso e non gettato.
  • Compra solo il necessario! Fai la spesa per tutta la settimana, in modo tale da avere un menù settimanale corretto e non farai scadere nulla.
  • Sposta i prodotti con scadenza più ravvicinata nella parte davanti della tua dispensa, così non rischierai di far andare a male il cibo. Ricorda anche che la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro” non significa che il prodotto sia contaminato o rischioso per la tua salute, ma solamente che ha perso le sue qualità organolettiche. Puoi comunque consumarlo.
  • Una volta aperte le confezioni, usa contenitori ermetici per mantenere freschi i tuoi cibi in frigorifero e chiudi bene i prodotti nella tua dispensa.
  • Fai la raccolta differenziata! I tuoi avanzi possono diventare compost.
  • Puoi coltivare alimenti in casa oppure informati se nel tuo quartiere c’è in atto un’iniziativa come “l’orto di quartiere”.
  • Usa meno acqua!

Quando getti via cibo, sprechi le risorse idriche che lo hanno prodotto. Per produrre un’arancia per esempio servono 50 litri di acqua. Chiudi il rubinetto quando pulisci i denti e fai docce veloci. Aggiusta le perdite che hai in casa.

  • Sostieni i produttori locali!

Acquistando prodotti locali da piccole imprese a conduzione familiare, aiuterai a combattere gli allevamenti intensivi o anche solamente ridurrai le distanze per le consegne su camion e altri veicoli.

  • La frutta matura non buttarla ma usala per frullati, succhi, macedonie o dolci.
  • Sii un consumatore consapevole e leggi sempre le etichette degli alimenti che compri.
  • Condivisi post contenenti l’hashtag #FameZero e diffondi la parola. Fatti sentire!
Previous post

CETRIOLI

Next post

ZUCCA